[ Salta al contenuto della pagina ]

Access key definite:
Vai alla pagina iniziale [H]
Vai alla pagina di aiuto alla navigazione [W]
Vai alla mappa del sito [Y]
Passa al testo con caratteri di dimensione standard [N]
Passa al testo con caratteri di dimensione grande [B]
Passa al testo con caratteri di dimensione molto grande [V]
Passa alla visualizzazione grafica [G]
Passa alla visualizzazione solo testo [T]
Passa alla visualizzazione in alto contrasto e solo testo [X]
Salta alla ricerca di contenuti [S]
Salta al menù [1]
Salta al contenuto della pagina [2]

Sezione contenuti:

[ Salta al menù ]

Dettaglio procedura

Questa funzionalità permette di visualizzare i dati della procedura selezionata, compresi i documenti relativi al bando, ovvero ai documenti che sono richiesti ai concorrenti. Premendo il pulsante "Lotti" si accede alle informazioni di dettaglio dei lotti facenti parte della procedura.
CONTENUTO AGGIORNATO AL 27/07/2020

Sezione Stazione appaltante

Comune di Piacenza
GIGLI ANTONELLA

Sezione Dati generali

AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLUFFICIO INFORMAZIONI, ACCOGLIENZA E PRENOTAZIONE TURISTICA - IAT-R DI PIACENZA, PER LA DURATA DI 36 MESI A DECORRERE DAL 19 LUGLIO 2020 O COMUNQUE DALLA DATA DEL VERBALE DI CONSEGNA. - CIG : 8243156386
Servizi
Procedura aperta
Offerta economicamente più vantaggiosa
433.569,00 €
16/03/2020
19/06/2020 entro le 12:00

Sottosezione Scadenze precedenti alla rettifica

Data scadenza Ora scadenza Data e ora operazione rettifica
20/05/2020 12:00 16/04/2020 16:08:21
15/04/2020 12:00 09/04/2020 11:48:31
G00047
In aggiudicazione

Sezione Documentazione richiesta ai concorrenti

Busta amministrativa
Busta tecnica
  • RELAZIONE TECNICA E CV
Busta economica
  • Offerta economica

Sezione Comunicazioni della stazione appaltante

  • Pubblicato il 27/07/2020
    Adozione provvedimento che fissa ammissioni ed esclusioni - Il provvedimento che fissa esclusioni ed ammissioni è stato adottato. Si tratta della Determinazione dirigenziale n.1118/2020.
  • Pubblicato il 19/06/2020
    RINVIO SEDUTA APERTURA BUSTE - Si comunica che la seduta di apertura delle buste contenenti la documentazione amministrativa è stata rinviata al prossimo 29 giugno ore 09:30.
  • Pubblicato il 15/06/2020
    ELEMENTI RELATIVI AL PERSONALE IN SERVIZIO - Si forniscono informazioni relative al personale in servizio attualmente allo IAT
  • Pubblicato il 15/06/2020
    RISPOSTE A QUESITI - QUESITO 1) in riferimento alla clausola sociale di cui all'art. 12 del Capitolato d'oneri, si chiede l'elenco non nominativo del personale attualmente impiegato nel servizio, il CCNL e il livello contrattuale, l'anzianità di servizio e la data del prossimo scatto, eventuali benefit riconosciuti, percentuali di part time e lo stato della formazione obbligatoria (sicurezza, antincendio, eventuale primo soccorso) ovvero la data dell'ultimo attestato o aggiornamento. QUESITO 2) la denominazione dell'attuale gestore del servizio; QUESITO 3) l'importo attualmente riconosciuto per lo svolgimento del servizio; RISPOSTA Con riferimento ai quesiti nn.1, 2 e 3, si segnala che attualmente il servizio IAT viene gestito all'interno dell'appalto per la gestione dei Servizi di informazione e relazione con i cittadini e di alcuni servizi di sala e portineria, affidato per il periodo 16 marzo 2015 15 marzo 2020, con una spesa complessiva di Euro 2.305.935,00 iva esclusa. Il soggetto affidatario è la Ditta CNS Consorzio Nazionale servizi Soc. Coop con sede in Via della Cooperazione n. 3 (BO), che si avvale della consorziata IN-SERVICE con sede legale a Campegine (RE) - Via R. Livatino n.1/E per l'esecuzione. Tale soggetto utilizza il personale dedicato all'appalto facendolo ruotare sui diversi servizi informativi che gestisce. L'Amministrazione non possiede pertanto i dati di cui al quesito n.1, che sono stati richiesti al gestore e dei quali pertanto si è in attesa. QUESITO 4) in caso di partecipazione come RTI NON COSTITUITO, si chiede conferma circa la possibilità di beneficiare della riduzione del 50% dell'importo della cauzione provvisoria nel caso in cui alcune imprese possiedano la certificazione ISO 9001 e le altre siano Micro o piccole imprese. Risposta quesito n.4 Con riferimento al quesito posto, si segnala come nel bando tipo n.1/2017 per l'affidamento di contratti pubblici di servizi e forniture sia previsto quanto segue: In caso di partecipazione in forma associata, la riduzione del 50% per il possesso della certificazione del sistema di qualità di cui all'articolo 93, comma 7, si ottiene: a. in caso di partecipazione dei soggetti di cui all'art. 45, comma 2, lett. d), e), f), g), del Codice solo e tutte le imprese che costituiscono il raggruppamento, consorzio ordinario o GEIE, o tutte le imprese retiste che partecipano alla gara siano in possesso della predetta certificazione; b. Le altre riduzioni previste dall'art. 93, comma 7, del Codice si ottengono nel caso di possesso da parte di una sola associata. Il settimo comma dell'art. 93 del D.Lgs 50/2016 specifica, però, che Si applica la riduzione del 50 per cento, non cumulabile con quella di cui al primo periodo, anche nei confronti delle microimprese, piccole e medie imprese e dei raggruppamenti di operatori economici o consorzi ordinari costituiti esclusivamente da microimprese, piccole e medie imprese. Alla luce di quanto sopra riportato, pare dunque che il raggruppamento per poter usufruire della riduzione della garanzia dovrebbe comprovare il possesso in capo a tutti i suoi membri della certificazione Iso o, alternativamente, della natura di microimprese, piccole e medie imprese. Il possesso di tali situazioni in capo ai singoli membri del raggruppamento non pare dunque poter giovare al raggruppamento ai fini della riduzione in esame. QUESITO 5) In merito a quanto si legge a pagina 22 del Disciplinare, si chiede se oltre al limite massimo delle 15 facciate (esclusi gli allegati, eventuale sommario e copertina) vi siano altre norme redazionali da rispettarsi, ad esempio margini, interlinea, font, dimensione, numero righe per facciata, etc Risposta quesito n.5 No QUESITO 6) Tra gli allegati non conteggiati nelle 15 facciate dell'offerta tecnica si può inserire anche una presentazione aziendale? Risposta quesito n.6 No QUESITO 7) Con riferimento all'art. 11 del Capitolato si chiede se per precedente capoverso (in merito alle 30 ore di formazione) ci si riferisca al paragrafo sulla formazione antincendio e primo soccorso o al paragrafo sulle 18 ore annue di formazione. Risposta quesito n.7 Per precedente capoverso s'intende il paragrafo relativo alla formazione antincendio e primo soccorso. QUESITO 8) Con riferimento all'art. 11 del Capitolato in cui si legge che si dovrà organizzare un corso di formazione di durata non inferiore a 30 ore su tematiche che riguardano il Comune di Piacenza e il settore Cultura e Turismo, si chiede che anche le 18 ore annue per addetto di corsi di formazione e/o seminari di aggiornamento (in merito a temi di natura turistica) del secondo capoverso siano AGGIUNTIVE rispetto a quanto richiesto nel primo capoverso ossia espletare almeno un corso di aggiornamento nel corso di ciascun anno d'appalto. Risposta quesito n. 8 Si precisa che le 18 ore annue per addetto di corsi di formazione e aggiornamento non sono aggiuntive rispetto a quanto indicato nel primo capoverso. QUESITO 9) Per formazione antincendio si intende basso, medio o alto rischio? Risposta quesito n. 9 Il personale dovrà aver frequentato (o frequentare entro 15 giorni dall'avvio del servizio) i corsi di livello base sulla prevenzione antincendio per un rischio indicato nel Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti - DUVRI, allegato al Capitolato speciale d'appalto. QUESITO 10) Fermo restando quanto scritto all'art. 8 del Capitolato, si chiede di esplicitare quale sia il monte ore totale su cui è stata calcolata la base d'asta (distinto per front office e back office). Risposta quesito n. 10 Il monte ore totale su cui è stata calcolata la base d'asta è pari a numero 6.048. QUESITO 11) In relazione all'Art. 15 del Capitolato si chiede: la fatturazione mensile a rate posticipate sarà a canone (con una tariffa mensile fissa uguale ogni mese) o a tariffa oraria moltiplicata per le ore effettivamente erogate? Risposta quesito n. 11 La fatturazione mensile a rate posticipate sarà a canone fisso mensile. QUESITO 12) In merito alla clausola sociale: questa è segnalata all'art. 12 del Capitolato e che quindi vi è l'obbligo ad assorbire prioritariamente il personale già operante alle dipendenze dell'Aggiudicatario uscente avente le competenze professionali indicate all'art. 10 (ferma restando la necessaria armonizzazione con la propria organizzazione), si chiede se ciò sia compatibile con la richiesta di inserire dei curricula come parte integrante - e dunque punteggiata - del progetto. Risposta quesito n. 12 Non c'è incompatibilità tra la clausola sociale di cui all'articolo 12 del Capitolato Speciale d'Appalto e la richiesta di presentare i curricula degli operatori nel punto A/1 dell'offerta tecnica. La c.d. clausola sociale di cu all'art. 50 del D. Lgs. 18/4/2016, n. 50, deve essere interpretata conformemente ai principi nazionali e comunitari in materia di libertà di iniziativa imprenditoriale e di concorrenza, risultando altrimenti lesiva della concorrenza. Così come sostenuto da conforme giurisprudenza, l'obbligo di mantenimento dei livelli occupazionali del precedente appalto va dunque contemperato con la libertà d'impresa dell'operatore economico e con la facoltà in essa insita di organizzare il servizio in modo efficiente e coerente con la propria organizzazione produttiva, al fine di realizzare economie di costi da valorizzare a fini competitivi nella procedura di affidamento dell'appalto. Conseguentemente, i lavoratori, che non trovino spazio nell'organigramma dell'appaltatore subentrante e che non vengano ulteriormente impiegati dall'appaltatore uscente in altri settori, saranno destinatari delle misure legislative in materia di ammortizzatori sociali; la clausola non comporta quindi alcun obbligo per l'impresa aggiudicataria di un appalto pubblico di assumere a tempo indeterminato ed in forma automatica e generalizzata il totale del personale già utilizzato dalla precedente impresa o società affidataria. La richiesta di produrre curricula deve essere armonizzata con la suddetta clausola sociale, stante che la stessa non pone un incondizionato obbligo di riassorbimento del personale stesso. Inoltre non è scontato che i lavoratori impiegati dal gestore uscente accettino il passaggio con il nuovo gestore. Per tutti questi motivi, la stazione appaltante ritiene necessario valutare l'esperienza e le qualifiche del personale che potrebbe essere impiegato nell'appalto. Detta valutazione rientra nel più ampio esame di quanto richiesto dal punto A/1 dell'offerta qualitativa per cui si assegnano 15 punti alla "Descrizione dell'organizzazione del lavoro, i ruoli attribuiti, il turn-over, la formazione e l'aggiornamento del personale, le figure di coordinamento e interfaccia con il Comune di Piacenza". QUESITO 13) Nel caso in cui un partecipante vinca per aver inserito dei CV (punto A1 del progetto tecnico) di profili altamente qualificati, quindi punteggiati più di altri e, una volta risultato l'aggiudicatario emergesse che gli operatori uscenti hanno titoli/qualifiche ed esperienze minori rispetto ai profili proposti in fase di gara, l'aggiudicatario può/deve non rispettare la clausola sociale e quindi attenersi ad assumere il personale descritto nel progetto non garantendo la continuità lavorativa al team ad oggi operante con la ditta uscente nell'appalto o viceversa dovrà comunque dare priorità al personale già impiegato nel servizio in forza alla clausola sociale? Risposta quesito n. 13 Si ribadisce quanto contenuto nella risposta al quesito precedente: anche Anac ha consolidato un proprio orientamento sul punto, a tenore del quale l'obbligo di reperimento dei lavoratori dal precedente affidatario può essere consentito soltanto previa valutazione di compatibilità con l'organizzazione di impresa, nel duplice senso che sia il numero dei lavoratori sia la loro qualifica devono essere armonizzabili con l'organizzazione d'impresa della ditta aggiudicataria e con le esigenze tecnico-organizzative previste. La clausola sociale, infatti, non può alterare o forzare la valutazione dell'aggiudicatario in ordine al dimensionamento e all'organizzazione dell'impresa e, in tal senso, non può imporre un obbligo di integrale riassorbimento dei lavoratori del pregresso appalto, senza adeguata considerazione delle mutate condizioni del nuovo appalto, del contesto sociale e di mercato o del contesto imprenditoriale in cui dette maestranze si inseriscono. Spetterà quindi all'aggiudicatario fare tutte le valutazioni del caso, tenendo comunque presente che il disporre di personale con maggior esperienza e qualifica non è motivo sufficiente per non ricorrere all'assorbimento, essendo necessario fornire ulteriori ragguagli riferiti alla organizzazione ed esecuzione del servizio che verrà espletato.
  • Pubblicato il 09/06/2020
    RISPOSTA A QUESITO - QUESITO In caso di partecipazione in forma di RTI NON COSTITUITO, l'importo della cauzione provvisoria può essere ridotto anche con il possesso delle certificazioni (es. ISO 9001) da parte di una o alcune delle Ditte del raggruppamento? RISPOSTA Nel BANDOTIPO n.1/2017 recante lo Schema di disciplinare di gara per l'affidamento di servizi e forniture nei settori ordinari, di importo pari o superiore alla soglia comunitaria, aggiudicati all'offerta economicamente più vantaggiosa secondo il miglior rapporto qualità/prezzo è espressamente previsto quanto segue: in caso di partecipazione in forma associata, la riduzione del 50% per il possesso della certificazione del sistema di qualità di cui allarticolo 93, comma 7, si ottiene: a. in caso di partecipazione dei soggetti di cui allart. 45, comma 2, lett. d), e), f), g), del Codice solo se tutte le imprese che costituiscono il raggruppamento, consorzio ordinario o GEIE, o tutte le imprese retiste che partecipano alla gara siano in possesso della predetta certificazione; b. Le altre riduzioni previste dallart. 93, comma 7, del Codice si ottengono nel caso di possesso da parte di una sola associata. Ciò posto, si ritiene che, si fini della riduzione della garanzia provvisoria, la certificazione di qualità debba essere posseduta da tutti i membri del raggruppamento
  • Pubblicato il 09/06/2020
    RISPOSTA A QUESITI - QUESITO Si conferma che non viene richiesto un fatturato generale minimo? RISPOSTA Si. QUESITO La domanda di partecipazione, in caso di RTI costituendo, va firmata da tutti i soggetti e deve essere unica? RISPOSTA Si, va prodotta una domanda di partecipazione, cofirmata da tutti i soggetti che costituiscono l'RTI. Vanno specificate quote di partecipazione e soggetto con ruolo di capogruppo. QUESITO Timbro e firma di ogni soggetto partecipante sono obbligatori? RISPOSTA Le norme richiedono ancora timbro e firma, ma, tenuto conto dell'obbligo di firma digitale da parte di tutti i soggetti costituenti l'RTI, l'assenza eventuale non è oggetto di soccorso istruttorio né, tantomeno, di esclusione.
  • Pubblicato il 04/06/2020
    SOPRALLUOGHI OBBLIGATORI - I sopralluoghi si potranno effettuare nelle seguenti date: 8 giugno (mattina e pomeriggio) 9 giugno (mattina). E' necessario prenotarsi contattando le mail:laura.battini@comune.piacenza.it; antonella.gigli@comune.piacenza.it
  • Pubblicato il 16/04/2020
    NUOVA PROROGA DEI TERMINI DI SCADENZA - In applicazione -dell'art. 103 Sospensione dei termini nei procedimenti amministrativi ed effetti degli atti amministrativi in scadenza del D.L. 17/03/2020 n. 18 Misure di potenziamento del Servizio Sanitario Nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse allemergenza epidemiologica da COVID-19, modificato dal D.L. 08/04/2020 n.23; -della Circolare del Ministero Infrastrutture e Trasporti in data 23 marzo 2020 ad oggetto: Applicazione dell'articolo 103 del decreto - legge 17 marzo 2020 alle procedure disciplinate dal decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50.; -della Circolare Regione Emilia Romagna in data 18/03/2020, integrata con modifiche con Nota PG.2020/0261160 del 31/03/2020 recante Sospensione dei termini dei procedimenti amministrativi in materia di Governo del territorio e proroga della validità degli atti in scadenza ai sensi dell'art.103 del decreto-legge 17/03/2020 n. 18; -della Delibera Anac n.312 del 09/04/2020 ad oggetto Prime indicazioni in merito allincidenza delle misure di contenimento e gestione dellemergenza epidemiologica da Covid-19 sullo svolgimento delle procedure di evidenza pubblica di cui al decreto legislativo 18 aprile 2016 n. 50 e s.m.i. e sullesecuzione delle relative prestazioni.; Si comunica che il termine di presentazione delle offerte fissato per le ore 12.00 del 15/04/2020 e successivamente prorogato al 20/05/2020, è ulteriormente prorogato alle ore 12.00 del 19/06/2020. L'apertura dei plichi avverrà in seduta pubblica a partire dalle ore 09.30 del 22/06/2020 - anziché in data 22/05/2020.
  • Pubblicato il 08/04/2020
    AVVISO DI PROROGA TERMINI - COMUNE DI PIACENZA - U.O. Acquisti e Gare AVVISO DI PROROGA DEI TERMINI DI GARA Oggetto: Appalto di servizi - Affidamento della gestione del servizio di front office e delle attività di back office dellUfficio Informazioni Turistiche di Piacenza, situato attualmente in Piazza Cavalli, 10 (angolo via Calzolai) riconosciuto quale IAT sulla base del DGR 956/2005.CIG: 8243156386 Importo: L'importo complessivo a base di gara è stato determinato in Euro 433.569,00 (Iva esclusa), di cui Euro 424.569,00 per costi della manodopera (Il valore stimato dell'appalto, comprensivo di rinnovo è di Euro 794.876,50 oltre IVA) Durata del contratto: 36 mesi a decorrere dalla data del 19 luglio 2020 o dalla data del verbale di consegna. In applicazione -dell'art. 103 Sospensione dei termini nei procedimenti amministrativi ed effetti degli atti amministrativi in scadenza del D.L. 17/03/2020 n. 18 Misure di potenziamento del Servizio Sanitario Nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse allemergenza epidemiologica da COVID-19; -della Circolare del Ministero Infrastrutture e Trasporti in data 23 marzo 2020 ad oggetto: Applicazione dell'articolo 103 del decreto - legge 17 marzo 2020 alle procedure disciplinate dal decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50.; -della Circolare Regione Emilia Romagna in data 18/03/2020, integrata con modifiche con Nota PG.2020/0261160 del 31/03/2020 recante Sospensione dei termini dei procedimenti amministrativi in materia di Governo del territorio e proroga della validità degli atti in scadenza ai sensi dell'art.103 del decreto-legge 17/03/2020 n. 18; Si comunica che il termine di presentazione delle offerte fissato per le ore 12.00 del 15/04/2020 è prorogato alle ore 12.00 del 20/05/2020. L'apertura dei plichi avverrà in seduta pubblica a partire dalle ore 09.30 del 22/05/2020 - anziché in data 16/04/2020. Il presente Avviso di Proroga viene Pubblicato all'Albo Pretorio, all'Albo Appalti, sul sito INTERNET comunale, sezione bandi e gare e sul Portale Appalti del Comune di Piacenza. Fermo il resto. Piacenza, 8 aprile 2020 Il Responsabile del Procedimento D.ssa Antonella Gigli
  • Pubblicato il 02/04/2020
    PROROGA DEI TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE OFFERTE - In conformità con le disposizioni emanate in conseguenza dell'emergenza legata al Covid-19, la Stazione Appaltante prorogherà sia i termini di presentazione delle offerte che quelli per l'esecuzione dei sopralluoghi. Con successivo avviso saranno rese note le nuove scadenze.
  • Pubblicato il 31/03/2020
    RISPOSTA A QUESITO - QUESITO Si chiedono delucidazioni in merito a quanto richiesto all'art 4.2.2 delle norme di partecipazione Possesso di apposita autorizzazione all'esercizio dell'attività di agenzia di viaggio regolarmente pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia Romagna, con almeno tre anni di esercizio di attività. Sul sito della Regione Emilia Romagna l'ultimo BUR pubblicato è relativo al 2018. RISPOSTA Ai sensi della delibera regionale n. 956/2005 All) A, la prenotazione dei servizi turistici e del pernottamento presso le strutture ricettive può essere effettuata presso gli IAT, limitatamente al turismo in entrata in Emilia Romagna, soltanto da agenzie di viaggio e turismo in possesso di idonea autorizzazione all'esercizio della attività di adv regolarmente pubblicate nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia Romagna, con almeno 3 anni di esercizio della attività medesima. Da qui si evince che le adv sopra indicate devono essere state regolarmente autorizzate ad esercitare l'attività nella Regione Emilia Romagna. Per esercitare l'attività di incoming in Emilia Romagna occorre che la adv sia munita di regolare autorizzazione rilasciata dalla Provincia (o scia attraverso il Comune competente). La suddetta autorizzazione o scia deve essere stata rilasciata dalla Provincia (fino al 2016) oppure dal Comune (dal 2016 in poi) competente all'interno della Regione Emilia Romagna. E' stato appurato che effettivamente le pubblicazioni sul BUR non sono state più aggiornate, per cui per l'accesso alla gara in corso è sufficiente dimostrare di essere stati autorizzati all'esercizio dell'attività di agenzia di viaggio in Emilia Romagna, con almeno tre anni di esercizio dell'attività in regione, con autorizzazione Provincia o SCIA del Comune.
  • Pubblicato il 25/03/2020
    RISPOSTA A QUESITI - QUESITO 1. Oltre alla voce gestione Iat che è quella richiesta nel bando, potete specificare quali altre attività possono essere considerate analoghe? es. promozione del territorio, visite guidate e accompagnamento culturale, segreteria organizzativa e gestione comunicazione per eventi culturali . altro? Per intenderci quale causale dobbiamo ricercare nelle fatture emesse? RISPOSTA Nel capitolato speciale d'appalto vengono dettagliatamente descritte tutte le attività richieste per la gestione dell'appalto. Si suggerisce di fare riferimento a quelle voci per la ricerca delle fatture. QUESITO 2. Può essere considerata attività analoga a quella richiesta nel bando, l'attività di un'agenzia di viaggi che si occupa principalmente di outgoing? RISPOSTA: Si.
  • Pubblicato il 23/03/2020
    RISPOSTA A QUESITO - QUESITO REQUISITI DI CAPACIT ECONOMICA E FINANZIARIA: Fatturato specifico, per almeno due anni negli ultimi tre anni (2017- 2018 - 2019), relativo a servizio analogo, per un importo pari ad euro 144.523,00/anno e complessivi euro 289.046,00 EVENTUALE FATTURATO GENERATO NEL SETTORE MARKETING E COMUNICAZIONE (senza specifica connotazione turistica) PUO' ESSERE CONSIDERATO IMPUTABILE IN RIFERIMENTO AL REQUISITO SOPRA RICHIESTO? RISPOSTA Si ritiene che il fatturato relativo ad attività di marketing e comunicazione generiche, non associate alla promozione turistica, non sia idoneo a determinare il "fatturato per servizi analoghi" richiesto dal bando. I servizi analoghi non devono essere identici ma attinenti le attività oggetto della gara.
  • Pubblicato il 20/03/2020
    RISPOSTA A QUESITO - QUESITO In caso di ATI, in cui la mandataria ha codice ATECO 79.90.20 e autorizzazione all'esercizio dell'attività di agenzia di viaggio regolarmente pubblicata nel BUR Emilia Romagna, con almeno tre anni di esercizi di attività, le imprese ausiliarie possono avere l'attività con codice ATECO 79.90.19 non come attività principale, considerato che devono dimostrare un fatturato ad essa connesso pari al 20% del fatturato generale? RISPOSTA Sì, purchè i servizi svolti e dimostrabili ed il relativo fatturato specifico siano coerenti con quelli che dovranno essere svolti nell'appalto
  • Pubblicato il 19/03/2020
    RISPOSTA A QUESITO - QUESITO 1. Il codice ATeco 79.90.19 è equiparabile a quello delle agenzie di viaggio? 2. I codici di seguito sono considerati validi per attività analoghe? 91.02.00 Attività di musei 79.90.19 attività di promozione turistica 79.90.20 Attività delle guide e degli accompagnatori turistici RISPOSTA I codici di attività ATECO 79.90.19 e 79.90.20 possono essere ritenuti coerenti con le attività oggetto della procedura di gara. Non è così per quanto riguarda il codice 91.02.00 Occorre però prestare attenzione al fatto che le norme di gara prevedono espressamente che l'Operatore economico concorrente possegga: apposita autorizzazione all'esercizio dell'attività di agenzia di viaggio regolarmente pubblicata nel BUR Emilia Romagna, con almeno tre anni di esercizi di attività. Quindi nel caso in cui l'operatore economico singolo non possegga tale autorizzazione, non possiede i requisiti di idoneità richiesti. Nel caso in cui a concorrere sia un raggruppamento temporaneo ed uno degli operatori abbia l'autorizzazione succitata, gli altri operatori raggruppati potranno essere iscritti per attività coerenti a quella oggetto di affidamento (come i citati codici ATECO 79.90.19 o 79.90.20, oltre che 79.11).
  • Pubblicato il 17/03/2020
    RISPOSTA A QUESITI - QUESITO REQUISITI DI IDONEITA': Iscrizione nel registro della Camera di commercio per attività coerenti con quelle oggetto della presente procedura di gara. QUALI SONO I CODICI ATECO RELATIVI ALLE ATTIVITA' COERENTI? TALI CODICI ATECO DEVONO ESSERE POSSEDUTI DA TUTTE LE IMPRESE ADERENTI ALLA RETE? RISPOSTA L'iscrizione nella Camera di Commercio deve essere per attività connessa e coerente a quella oggetto dell'appalto. Detta iscrizione deve essere posseduta da tutte le imprese aderenti alla rete (si veda punto 4.5 pag. 8 Norme di gara) QUESITO REQUISITI DI CAPACITA' ECONOMICA E FINANZIARIA: Fatturato specifico, per almeno due anni negli ultimi tre anni (2017- 2018 - 2019), relativo a servizio analogo, per un importo pari ad euro 144.523,00/anno e complessivi euro 289.046,00 COSA SI INTENDE PER SERVIZIO ANALOGO? E' SEMPRE COLLEGATO AD UN CODICE ATECO OPPURE ALLE CAUSALI DELLE FATTURE EMESSE? RISPOSTA Il servizio analogo deve essere un servizio similare a quello oggetto d'appalto, non identico ma attinente allo stesso settore dell'appalto. Al momento della partecipazione alla gara è sufficiente la dichiarazione degli importi e dei servizi svolti, con l'indicazione del periodo e del soggetto per cui sono stati svolti i servizi. Le fatture serviranno poi per provare il possesso di detti requisiti. QUESITO LA CLAUSOLA SOCIALE IMPONE OBBLIGATORIAMENTE l'assunzione del personale attualmente operante nel servizio in oggetto? RISPOSTA La clausola sociale non impone obbligatoriamente l'assorbimento, è da intendersi così come scritta in capitolato e cioè tenendo conto dell'organizzazione aziendale dell'operatore entrante, che potrebbe non dover aver bisogno di assumere nuovo personale. Nel caso di necessità di assunzione, allora è tenuto ad assorbire prioritariamente nel proprio organico il personale, già operante alle dipendenze dell'Aggiudicatario uscente. QUESITO Esiste già un calendario dei sopralluoghi? Vista la situazione attuale si pensa di effettuarli dopo la giornata del 3 aprile? RISPOSTA Al momento sono previsti sopralluoghi in data 6 e 7 aprile. Le date sono riportate nella pagina finale delle Norme di gara.

[ Torna all'inizio ]